Non solo sci. Alla scoperta dei sapori invernali delle valli bergamasche

Non solo sci. Alla scoperta dei sapori invernali delle valli bergamasche

Le valli delle intorno a Bergamo – in particolare la Val Seriana e la Val di Scalve – sono meta delle escursioni di sciatori ed appassionati di sport invernali: dotate di diversi comprensori sciistici per oltre 100 km di piste, rappresentano una delle destinazioni più gettonate della stagione sciistica da poco avviata.

Arrivare nelle Valli Bergamasche significa immergersi in territori contraddistinti da scorci paesaggistici e naturalistici incantevoli. E non solo perchè le bellezze di questi luoghi unici passano anche e soprattutto dalla tavola. 

La cucina bergamasca, infatti rappresenta una delle più antiche in termini di tradizioni, basata su ricette semplici ma al contempo gustose e saporite.

Prima fra tutte, naturalmente, la polenta “bergamasca”, cucinata in moltissime varianti e accompagnata da cacciagione e salsicce, preparata alla piastra, fritta, abbrustolita, con brasato o baccalà, nella classica versione “polenta e osei” (con uccelletti passati in padella), oppure “cunsada”, ossia fatta e fette e coperta di Taleggio, poi condita con burro e salvia.

Accanto ad essa, fanno bella mostra di sé selvaggina, insaccati e formaggi di qualità tipici della tradizione alpina: la terra bergamasca è infatti al primo posto in Italia per numero di formaggi D.O.P., con oltre 150 alpeggi tuttora attivi. Con successo relativamente minore, anche i formaggi caprini stanno tuttavia acquisendo notevole favore, dovuto ai molti allevamenti di capra presenti in altura.

I "tesori" a tavole da scoprire delle Valli Bergamasche 

Altra prelibatezza locale è rappresentata dai “casonsei”, i casoncelli bergamaschi, nati da una antica pratica legata al riutilizzo degli avanzi di carni, ricetta poi raffinata con l’introduzione di amaretti, uva sultanina e pera.

Per accompagnare un pasto basato su piatti tanto importanti e sostanziosi, non può certamente mancare in tavola un vino all’altezza: anche in tale aspetto, i pendii bergamaschi non mancano di offrire una valida proposta, attraverso la produzione locale del Valcalepio D.O.C.

Il Valcalepio ha rappresentato in qualche modo la rinascita dell’enologia in terra orobica. Dopo alcuni decenni di abbandono delle coltivazioni sui terreni collinari – nel periodo successivo ad una selvaggia edificazione – a partire dagli Anni Settanta è stato avviato un coraggioso recupero, con vinificazioni realizzate attraverso vitigni autoctoni e miglioratori, fino alla richiesta del riconoscimento D.O.C. per una varietà di rosso ed una di bianco. Il primo, ottenuto dall’incontro di vitigni Merlot e Cabernet, il secondo da Pinot Bianco e Pinot Grigio.

A completare il quadro, una lunga serie di grappe prodotte artigianalmente non può mancare al termine di una buona cena di fronte al camino.

Come è facile intuire, quindi, la bellezza che caratterizza la stagione sciistica invernale va ben oltre la sola passione per lo sport, a dimostrazione che le valli bergamasche sono un luogo di divertimento e relax adatto a tutti, ideale luogo di soggiorno invernale e perchè no, luogo ideale dove comprare una casa nel bellissimo contesto delle montagne e Orobie. 

Share this post:

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

Recent Posts

Comments are closed.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close